Reiki: l’intestino

l’intestino: come il reiki interviene a livello energetico

Nei precedenti articoli abbiamo visto come il REIKI può essere utile anche per andare a riequilibrare a livello energetico i nostri organi principali, ogni settimana abbiamo visto nel dettaglio ogni organo. Vi lascio qui  il link dell’articolo del trattamento dei cinque organi principali.(LINK ARTICOLO)

Oggi ci dedichiamo a capire come il reiki interviene a livello energetico sull’intestino.

L’intestino rappresenta figurativamente il nostro tunnel interiore, possiamo identificarlo come il luogo di passaggio, dello scorrimento di tutte le sostanze nutritive per il nostro corpo.

Se lo rappresentiamo energeticamente, rappresenta la nostra capacità di vivere e di cogliere in modo “corretto” tutte le esperienze che viviamo, ci aiuta a vivere con amore e consapevolezza.

L’intestino è situato nella parte centrale della cavità addominale e possiamo suddividerlo in intestino tenue e intestino crasso.

L’intestino tenue svolge la funzione di assorbimento delle sostanze nutritive energeticamente è l’organo di scarico del cuore, che si apre nella bocca. Ci insegna che ogni cosa è cura e amore per noi come cibo, aria, energia e tutto viene assimilato e trasformato in nutrimento vitale.

Lintestino crasso svolge invece prettamente le funzioni escretorie e composto da cieco (chiamato così in quanto ha una entrata ma non una uscita), colon e retto collegato ai polmoni dove energeticamente svolge la funzione di scambio, di restituzione e di donazione.

L’intestino rappresenta l’indicatore delle paure esistenziali, infatti la paura, ci causa come sintomo fisico la chiusura della bocca dello stomaco, ci blocca il respiro e ci crea immobilità.

Come sintomo fisico tipico troviamo la diarrea ed infatti questa rappresenta l’idea della fuga, di mollare tutto e scappare. Notiamo quindi che ci troviamo nell’impossibilità di far entrare amore , nutrimento e di permetterci con calma di vivere e abbracciare ogni esperienza.

La parte dell’intestino crasso ed in particolare la zona riferita al colon ci indica e insegna a stare nelle cose con fiducia e calma, a lasciar passare tutti quei momenti difficili senza fare di tutto per fuggire o fare le cose in fretta e furia.

REIKI COME AGISCE :

Il trattamento Reiki energetico rivolto all’intestino ci restituisce amore, calma e tranquillità per far fronte alle situazioni quotidiane ed inoltre fisicamente restituisce elasticità e funzionalità.

Vi sarà sicuramente capitato, anche da soli senza avere reiki, di aver sperimentato che mettersi le mani sulla pancia dona una sensazione immediata di pace. Il risultato è ricevere subito una sensazione efficace sul dolore interiore, che è sempre legato alla paura di non farcela.

Altro sintomo fisico, al contrario della diarrea, è la stipsi. Questo sintomo è collegato anch’esso all’intestino crasso e come dicevamo sopra collegato sopratutto al polmone.

La stipsi somiglia all’asma, trattengo dentro di me i prodotti di scarto del metabolismo perché ho paura di rimanere solo, di essere abbandonato, di non essere protetto.

La stitichezza ci mette in contatto con la nostra difficoltà di donare e di donarci, di riconoscere il nostro valore, di lasciarci andare, di mostrare la nostra vulnerabilità e di avere la consapevolezza di lasciar andare il vecchio, quello che non ci serve più.

Quello che danneggia l’intestino è pertanto vivere di ricordi, serbare rancore per il passato. Il messaggio che arriva al nostro organismo è quello di trattenere e custodire gelosamente tutti i prodotti di scarto e quindi riempirci di tossine e veleni.

In conclusione abbiamo visto che REIKI può aiutare il nostro corpo a raggiungere amore e consapevolezza dimostrandoci di possedere in noi una profonda saggezza che ci insegna a vivere giorno per giorno, svuotandoci e riempiendoci con moderazione, tranquillità e fiducia, a lasciar andare con serenità senza fissarsi sul dolore per ciò che è stato.

Quello che fa REIKI, durante il trattamento energetico degli organi ed in particolare sull’intestino, è insegnarci a vivere e accogliere ogni esperienza, bella o brutta, felice o dolorosa, leggera o pesante ed infine, lasciar andare ogni residuo attaccamento o rimpianto, ritrovando un senso di leggerezza che si traduce fisicamente nell’ evacuazione.

Se ho paura di vivere intensamente, in maniera responsabile e con amore ogni prezioso istante della mia vita, se non riesco a realizzare la mia vita e la mia personalità, perdo energia (diarrea, colite, perdite di acqua e sali minerali) oppure la blocco all’interno, la trattengo (stipsi, ernie, occlusioni,diverticoli)

Vi riassumo in questo schema, l’ INTESTINO, secondo il IL GRANDE MANUALE DEL REIKI 

Funzione Fisiologica Assorbimento del cibo ed espulsione delle scorie
Funzione Simbolica Cogliere l’attimo, discernere tra bene e male
Emozione di luce generosità, distacco, lasciar andare il controllo
Emozione di ombra avarizia, grettezza, controllo, attaccamento
Organi correlati cuore,polmoni, cervelllo

Per ogni informazione sul REIKI puoi contattarmi attraverso la news letter che trovi al sito.

Add A Comment